11th level: partorire Gesu’

challengeInizia agosto, e si conclude un lungo percorso che ci ha messo, noi Mogli e Mamme, alla sequela di Maria, per diventare, seguendo il suo esempio, delle vere Godly Wife. Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

10th level: essere Madre

challenge

Siamo arrivate al decimo step! Riusciremo, con questi nostri piccoli passi possibili a diventare più simili a Maria, al suo essere donna, moglie e madre?

Oggi continuiamo a seguire Maria nel suo personale e doloroso calvario, e la incontriamo sotto la Croce:

“Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa e Maria di Magdala. Gesù allora, vedendo la madre e là accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: “Donna, ecco il tuo figlio!”. Poi disse al discepolo: “Ecco la tua madre!”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa”.

Giovanni 19,25-27 Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

9th level: Maria, donna fedele

challenge

A riguardo del film ?La Passione? di Mel Gibson si possono avere molte opinioni e fare tanti discorsi. Io l’ho visto pi? volte, ogni volta con tanta fatica e lacrime e devo dire che ad oggi, quando penso, prego o leggo la Passione di Ges?, l’immaginario visivo che mi appare nella mente ? quello legato a questo film, nel bene e nel male.

image

Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

8th level: piccole cose con grande amore

challenge

Mentre scrivo guardo la data del calendario, che lo schermo del PC si ostina a mostrami, incurante dell’importanza che quei numerini messi in fila hanno per me.

Faccio i conti e penso che mancano quattro giorni (quattrogiorniquattro!!!!!) alla DPP, la data presunta del parto della mia bimba. Vabb?, quel?presunta”?– soprattutto arrivata alla quarta esperienza – dovrebbe farmi capire che mettersi a contare i giorni non ? proprio una garanzia (e neanche una bella idea…). Ma si sa, la voglia di vedere e abbracciare la mia bimba, e insieme di liberarmi di un peso che sta diventando difficile da sostenere (!) ? davvero tanta!

E allora eccomi a contare i giorni!

E intanto piego vestitini, preparo il lettino, monto gi?, addirittura, il seggiolino sulla macchina…!

Ogni sera preparo vestiti, scarpe e zaini pronti per i miei tre figli, tengo il telefono acceso, mi sveglio di notte per preparare il tavolo della colazione… perch? non si sa mai… magari i miei ometti la mattina dopo troveranno la nonna mentre io e pap? saremo in ospedale…

E poi parlo con i miei bimbi, racconto di quando sono nati, di come erano piccoli, di quanto ? stato bello abbracciarli e vederli, mentre loro mi riempiono delle loro divertenti domande: “hai mangiato una bambina, mamma?” , “ma quando sono nato ero gi? vestito?“.

E mi gusto questo insieme di piccole cose. Sguardi, carezze, attese.

Perch? ??proprio l’attenzione alle piccole cose che ci permette di amare. Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

7th level: onorare il nostro sposo

image

Lo ammetto: sono una control freak. Non riesco a fare a meno di controllare tutto e tutti. Certo, di solito mi difendo dietro la scusa delle “critiche costruttive” o del “nessuno lo sa fare correttamente”, ma la verit? ? che lasciar andare il controllo mi genera una certa dose di ansia. Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

6th step: offrire tutto a Dio

image

La mia vocazione di moglie e mamma, in particolare in questa fase in cui i miei figli sono ancora piccoli, non mi rende propriamente una?habitu??della?Messa prima feriale, che nella mia parrocchia ? alle 7.30 del mattino (in?questo orario mi trovo – solitamente – a cercare affannosamente scarpe spaiate in giro per casa e a vestire bambini assonnati e poco collaborativi).

Per? qualche volta mi ? capitato di riuscire ad andare e,?al termine della celebrazione, sono rimasta piacevolmente colpita da quella che, nella mia parrocchia, sembra essere una tradizione seguita da un bel gruppo di fedeli: l’offerta della giornata.

Cuore divino di Ges?,
io ti offro per mezzo del Cuore Immacolato di Maria,
madre della Chiesa, in unione al Sacrificio eucaristico,
le preghiere e le azioni, le gioie e le sofferenze di questo giorno:
in riparazione dei peccati, per la salvezza di tutti gli uomini,
nella grazia dello Spirito Santo, a gloria del divin Padre.

Mi ? sembrato un modo meraviglioso di iniziare la giornata: offrire tutto a Dio. Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

5th level: il silenzio

challengeIn questi giorni sto iniziando a impacchettare, in vista del trasloco che ci vedr? impegnati nel prossimo futuro. E, come sar? successo anche a voi, ? pi? il tempo che passo a rimirare vecchi ricordi, rileggere lettere, provare vestiti, farmi prendere dalla nostalgia, di quello materialmente trascorso a impacchettare!

Ed ? stato in una di queste incursioni nei ricordi passati che ho trovato una scatola con dentro la mia divisa da sorella dell?Unitalsi. Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

4th level: accogliere Gesu’

challengeIn questa settimana si celebra il santo Natale e, quasi a voler accompagnare il tempo liturgico, anche il nostro Challenge me si sofferma a riflettere sulla nascita di Ges?.

Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

3rd level: il servizio

challengeLa scorsa settimana sono stata a trovare tre mie amiche, che sono monache in un convento di clausura. Ogni quattro mesi, circa, ho l’incredibile possibilit? di andare a fare una ricarica di paradiso, immersa nei sorrisi, nelle confidenze, nella bellezza di queste donne di Dio. Continua

Rossana
Innamorata di Gesù e appassionata della Chiesa, realizza (o sarebbe meglio dire, inizia a realizzare) la sua Vocazione sposando nel 2008 il suo migliore amico. Laureata in Scienze Religiose, lavora come insegnante di religione nelle scuole superiori. È mamma di quattro meravigliosi bambini.

2nd level: donna del si’

imageRifiuto, mi nego, mi spingo via, mi giustifico, dico solo “No!” …

Il pi? delle volte questa parola potente scivola fuori dalla mia bocca pi? rapidamente di quanto io?vorrei.?Io sono una donna impegnata, una moglie occupata, una mamma indaffarata.. ma che a volte questa non sia una scusa per?sottrarmi al?fare qualcosa?

In questo secondo livello del nostro Challenge me!?ragioneremo su una delle parole pi? belle dette da Maria. Che esprimono una fede disarmante?e una disponibilit? a mettersi al servizio invidiabile. Che poi, se uno ci pensa e ci prova veramente a mettersi nei suoi panni gli sembra pure impossibile che una donna di quel tempo abbia potuto accettare di dire quella parola cos? breve, ma cos? carica di significato:

Fiat, Eccomi! Continua

Eleonora
Incontra lo sguardo del suo futuro marito a 11 anni e da quel giorno ne rimane follemente innamorata. Crescono assieme nella vita e nella fede e vengono accompagnati da Lui all?altare nel 2009. Mamma, moglie, sorella, figlia, insegnante di Scienze, cerca di districarsi fra tutti questi impegni come meglio puo? con fede ed un pizzico di ironia.